Via libera al decreto terremoto

Ora passerà al Senato per la definitiva conversione in legge. Legambiente: “Il testo poteva essere migliorato. Persa una importante occasione per definire una filiera virtuosa e innovativa sullo smaltimento e recupero delle macerie”

Foto Vincenzo Livieri - LaPresse  24-08-2016 Amatrice, Rieti (Italia) Cronaca Trema il centro Italia. Alle 3.30 di questa notte si è registrata una forte scossa di terremoto di magnitudo 6.0 a 4 chilometri dalla superfice e con epicentro ad Accumoli, in provincia di Rieti nel Lazio, a pochi chilometri, equidistante, tra Norcia e Amatrice Nella foto: le immagini di Amatrice distrutta Photo Vincenzo Livieri - LaPresse  24-08-2016 Amatrice, Rieti (Italy) News The central Italian town of Amatrice was badly damaged by a 6.2 magnitude earthquake that struck early on Wednesday, with people trapped under the rubble, the town's mayor said.

Dalla Camera dei Deputati è arrivato finalmente il via libera al decreto legge sul terremoto, che ora passerà al Senato per la definitiva conversione in legge. Per Legambiente il provvedimento approvato oggi poteva essere migliorato normando la gestione delle macerie a favore del recupero degli inerti per la ricostruzione. Un tema, più volte rilanciato dall’associazione ambientalista, ma sul quale si è preferito glissare perdendo così una importante e preziosa occasione per gettare le basi di un ciclo virtuoso del recupero delle macerie, seguendo i principi dell’economia circolare. “Il decreto terremoto approvato oggi – dichiara Rossella Muroni, presidente nazionale di Legambiente – ci soddisfa solo in parte. Anche se sono state introdotte importanti modifiche, è però mancato il coraggio di affrontare una delle quelle questioni più spinose che accomuna tutti i terremoti, lo smaltimento delle macerie, a cui si accompagna spesso lo spettro di possibili infiltrazioni criminali nella gestione di questi materiali. Siamo convinti che la soluzione migliore consiste oggi nel recupero differenziato e nel riutilizzo dei materiali per gli usi compatibili, attraverso macchinari utilizzati direttamente sul posto e capaci di produrre materiali necessari per la ricostruzione. Una prospettiva che introdurrebbe innovazioni nella ricostruzione, risparmiando risorse pubbliche e naturali. È questa una delle prime sfide da affrontare nella aree post-sisma e che invece inspiegabilmente non è stata considerata”.

Tra le novità introdotte dal decreto, per l’associazione ambientalista ben vengano le risorse previste per fare le indagini sulla vulnerabilità sismica in tutti gli edifici scolastici situati nelle zone più a rischio sismico, la decisione di destinare una parte della quota dello Stato dell’8×1000, per 10 anni, alla ricostruzione e al restauro dei beni culturali distrutti o danneggiati dal terremoto; e ancora l’aver previsto il ripristino e la manutenzione della sentieristica nei parchi e il coinvolgimento e la partecipazione dei cittadini alle scelte di pianificazione e sviluppo territoriale, ricostruzione e salvaguardia dei beni comuni. Quest’ultimi due emendamenti sono stati proposti da Legambiente impegnata nel chiedere garanzie per la partecipazione della popolazione e la cura del ripristino ambientale elemento importante per facilitare e rilanciare il turismo dolce nei parchi. Proposte che sono state approvate, ad eccezione di quella riguardante una filiera virtuosa e innovativa sullo smaltimento e recupero delle macerie.

“La ricostruzione – conclude la Muroni – può essere una grande occasione per promuovere una nuova idea di rilancio, sviluppo e benessere dell’Appennino centrale, capace di invertire il fenomeno dello spopolamento anche attraverso la valorizzazione dei beni culturali e dei sentieri dei parchi. L’attenzione al patrimonio storico culturale e a quello naturale paesaggistico possono dare un grande contributo alla ripresa e allo sviluppo delle attività economiche locali di queste aree colpite dal sisma, per questo non si perda questa importante occasione”.

La testata è nata nel 1978 con il nome di Ecologia (diventerà La Nuova Ecologia l'anno successivo) insieme ai primi gruppi ambientalisti... Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia
[twitter-timeline id=657236406335574016 username=lanuovaecologia]
Ultimi articoli di

Parliamone

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *