Un’etica d’oro

oro

Pregiate ed etiche, le foglie d’oro Manetti risplendono su monumenti antichi e moderni di Parigi, Hong Kong, New York, Londra, Mosca, Dubai. La Giusto Manetti Battiloro, storica azienda fiorentina, coniuga da quindici generazioni tradizione e innovazione, profitto e attenzione all’ambiente, benefici per i dipendenti e per i cittadini del territorio che la ospita. Non è un caso, insomma, se Niccolò Manetti, uno dei sei soci proprietari di un’azienda che è rimasta familiare, sia stato tra i protagonisti del primo “Festival dell’economia civile”, organizzato lo scorso novembre a Campi Bisenzio dall’amministrazione comunale insieme a Legambiente, Scuola di economia civile di Loppiano (Fi), Anci Toscana, con il patrocinio della Regione e della Città metropolitana di Firenze. «La nostra è una produzione artigianale realizzata con strumenti tecnologici in cui la manualità e l’esperienza umana affinano la precisione della macchina – spiega Manetti – Nel 2013 ci siamo trasferiti proprio a Campi Bisenzio nel nuovo stabilimento, realizzato con materiali italiani, 400 pannelli fotovoltaici che ci danno l’energia di cui abbiamo bisogno, illuminazione naturale e lampade a led di nuova generazione, una palestra, una mensa e una biblioteca per i dipendenti. Realizzarlo ci ha imposto una nuova programmazione che ci aiuta a crescere». Negli anni passati anche la Manetti ha dovuto affrontare la crisi ma non ha lasciato nessuno senza lavoro. «Mio nonno – racconta Niccolò Manetti – diceva: “Io vi lascio la mucca e voi potete decidere di macellarla e avere bistecche per poco tempo, oppure di curarla e coccolarla per avere il latte per sempre”. Abbiamo scelto la seconda strada e da qualche anno non dividiamo gli utili per garantire all’azienda un futuro. Adesso abbiamo circa 120 dipendenti a tempo indeterminato, alcuni part time e le donne che lo chiedono lavorano a domicilio». L’oro lavorato dagli artigiani battitori della Manetti è certificato “no conflict gold”: non proviene da zone in guerra e non è estratto con lavoro minorile, forzato o ogni altra forma di violazione dei diritti umani. I benefici sono condivisi anche con gli abitanti di Campi Bisenzio meno fortunati. «Insieme ad altre realtà produttive abbiamo costituito un’associazione che presto diventerà una fondazione – conclude Niccolò Manetti – Ogni associato destina un fondo per affittare abitazioni da dare in uso a chi non ce la fa a pagare un affitto».

 

Giornalista ambientale, per La Nuova Ecologia cura le sezioni inchiesta e storie. Per il canale video LanuovaecologiaTV realizza dirette streaming, video interviste e il montaggio di video servizi. Contatti: loiacono@lanuovaecologia.it @francloia
Ultimi articoli di

Parliamone

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *