TreviNatura per la biodiversità

Nell’anno dell’Expo, l’Umbria, cuore verde d’Italia, ospita il progetto-evento TreviNatura, che promuove la biodiversità in quanto ricchezza del territorio

Trevinatura lungo

Fino al prossimo 31 Ottobre l’Esposizione Universale in corso a Milano terrà alta l’attenzione sull’importanza vitale di riuscire a garantire cibo sano e in quantità sufficiente per tutti i popoli, nel rispetto del Pianeta e dei suoi equilibri. Nell’anno dell’Expo, l’Umbria, cuore verde d’Italia, da sempre attrazione internazionale di un turismo alla ricerca di storia, arte e cultura; per vocazione dedita all’accoglienza di un pubblico sensibile allo slow tourism e alle tematiche natura e ambiente, si prepara ad ospitare nella suggestiva location di Trevi il progetto-evento TreviNatura. Questo evento s’inserisce all’interno delle iniziative in ambito EXPO 2015 con l’obiettivo di promuovere e sostenere la biodiversità come condizione indispensabile per tutelare la varietà e garantire la sopravvivenza di tutti gli esseri viventi che popolano la terra. Nasce così TreviNatura, iniziativa che promette forte carica innovativa per quanto concerne le modalità attraverso le quali diffondere e promuovere consapevolezza ambientale e conoscenza scientifica in campo naturalistico. Dal 25 al 27 Settembre un mix sapientemente coordinato di momenti istituzionali, di divulgazione scientifica per tutti ma anche di svago e di intrattenimento “a tema”, vedrà insieme giornalisti specializzati, esperti del settore e un pubblico fortemente diversificato, interessato a conoscere, approfondire e sperimentare personalmente il rapporto uomo-natura in una accezione di sostenibilità ambientale. Per l’occasione, anche musica internazionale e teatro saranno grandi interpreti della causa della tutela della biodiversità. L’iniziativa sarà realizzata con il coinvolgimento di tutti gli abitanti del territorio rendendo l’evento “diffuso”; l’elevata partecipazione di pubblico sarà invece favorita dalla completa gratuità dell’evento, concretizzando così l’impegno a sostenere attivamente l’obiettivo di coniugare conoscenza dei parchi e loro fruizione. Grazie alla sinergia fra Enti pubblici di governo del territorio e mondo accademico cui fanno capo le Università di Perugia, Camerino e L’Aquila con i loro spin off, TreviNatura sta fin da adesso delineandosi come evento eco sostenibile di respiro non soltanto regionale ma anche nazionale ed internazionale; come fucina di opportunità per il territorio in quanto trait d’union con il tessuto turistico e imprenditoriale più attento e sensibile alle tematiche ambientali. Come riportato da Antonio Boggia, professore di economia ed estimo ambientale presso l’Università degli Studi di Perugia, nell’ambito di TreviNatura assume particolare importanza l’adozione dell’indice METER (Measuring Events Through Environmental Research). Tale indice, basato su parametri tecnici e su una procedura di certificazione partecipata, renderà possibile la misurazione dell’ecosostenibilità del progetto. «TreviNatura è il primo grande evento che vede l’applicazione di tale indice. Questo permette in fase ex ante di considerare le diverse alternative, portando a preferire quelle più sostenibili – spiega il Professore. – Se utilizzato in fase ex post, invece, permette di analizzare e capire gli aspetti salienti dell’evento, al fine di migliorarsi continuamente». L’Indice METER è stato presentato l’8 settembre al 5° Forum mondiale sulla sostenibilità a Basilea in Svizzera. Ha riscosso un rilevante successo è sono stati avviati rapporti di collaborazione con le Università di Copenaghen e Glasgow per applicazioni a livello internazionale.

[twitter-timeline id= username=]
Ultimi articoli di

Parliamone

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *