economia civile

Economia civile
volontari
b_corp_011216061
b corp
b corp
stefano-zamagni
economia-civile
dsc_0094-giusto

Festival dell’ Economia civile,
l’Italia che c’è

Inaugurato ieri a Campi Bisenzio, a pochi chilometri da Firenze. La cittadina toscana, fino a sabato 19 novembre, sarà il cuore pulsante della rassegna. Welfare collaborativo, consumo consapevole e sostenibilità ambientale i temi della prima giornata

LO SPECIALE SUL MENSILE #RIGENERIAMOCI
ICONA_recensioniStato di comunità di FABIO DESSI’
ICONA_recensioniRigenerazioni urbane di ELISABETTA GALGANI
ICONA_recensioniRinnovabili e libere di SERGIO FERRARIS
ICONA_recensioniRitorno al bosco di FRANCESCO LOIACONO

 

bg-footer
Iglesias, Sardinia, July 2013 - Abandoned warehouse in the industrial area 
 -----
The "Sulcis-Iglesiente" is the poorest province in Italy. After the abandonment of the mining industry by the government, the area has become a center of chemical industry which has slowed down the unemployment caused by the closure of the mines and changed forever the surrounding area. At present the 90 per cent of the chemical industries of the area are closed or in maintenance. The network of family and social support, still strong in Sardinia, has hidden until now poverty and hardship, hiding them inside the houses. But this social network is destined to finish when the last miners and metalworkers, that with their pensions contribute to the survival of the family, will die.
><
Iglesias, Sardegna, luglio 2013 - Capannone abbandonato all'interno del polo industriale 
-----
Il Sulcis-Iglesiente è la provincia più povera d'Italia. Dopo l'abbandono delle industrie minerarie da parte del governo l'area si è trasformata in un polo di industria chimica, che ha frenato la disoccupazione causata dalla chiusura delle miniere e modificato per sempre il territorio circostante. Ad oggi il 90 per cento delle industrie chimiche dell'area è chiuso o in manutenzione. La rete di sostegno familiare e sociale, ancora forte in Sardegna, ha nascosto fino ad ora povertà e disagio, lasciandoli dentro le case. Ma questa rete sociale è destinata a spezzarsi quando moriranno gli ultimi minatori e metalmeccanici, che con le loro pensioni contribuiscono alla sopravvivenza della famiglia.