Rigenerazioni urbane

Iglesias, Sardinia, July 2013 - Abandoned warehouse in the industrial area   ----- The "Sulcis-Iglesiente" is the poorest province in Italy. After the abandonment of the mining industry by the government, the area has become a center of chemical industry which has slowed down the unemployment caused by the closure of the mines and changed forever the surrounding area. At present the 90 per cent of the chemical industries of the area are closed or in maintenance. The network of family and social support, still strong in Sardinia, has hidden until now poverty and hardship, hiding them inside the houses. But this social network is destined to finish when the last miners and metalworkers, that with their pensions contribute to the survival of the family, will die. >< Iglesias, Sardegna, luglio 2013 - Capannone abbandonato all'interno del polo industriale  ----- Il Sulcis-Iglesiente è la provincia più povera d'Italia. Dopo l'abbandono delle industrie minerarie da parte del governo l'area si è trasformata in un polo di industria chimica, che ha frenato la disoccupazione causata dalla chiusura delle miniere e modificato per sempre il territorio circostante. Ad oggi il 90 per cento delle industrie chimiche dell'area è chiuso o in manutenzione. La rete di sostegno familiare e sociale, ancora forte in Sardegna, ha nascosto fino ad ora povertà e disagio, lasciandoli dentro le case. Ma questa rete sociale è destinata a spezzarsi quando moriranno gli ultimi minatori e metalmeccanici, che con le loro pensioni contribuiscono alla sopravvivenza della famiglia.

Edifici cadenti, aree industriali non più utilizzate, vuoti urbani che rifioriscono. Si trasformano grazie ad associazioni e cittadini, veri e propri pionieri, che rendono gli spazi inutilizzati un “bene comune”. Da Nord a Sud la rigenerazione urbana si diffonde nel nostro paese e contagia con i valori della condivisione. Cambia l’aspetto di interi quartieri, coinvolge nuovi spazi di lavoro, i coworking, ma anche sale cinematografiche chiuse da anni. Come quella del cinema Impero a Roma. Parte proprio da qui il nostro viaggio nell’Italia che si rigenera.

Tutto un altro film

ambra-mure-1

C’è stato un periodo in cui Roma coincideva con la parola cinema. Erano gli anni Cinquanta e Sessanta e la Capitale era un set perfetto. Nelle sale cinematografiche ci si incontrava, nascevano amori, si accendevano dibattiti, magari dopo un film neorealista. Tutt’altro scenario nel presente, tra la crisi del settore e la chiusura continua delle sale. Dai Parioli a Portuense, dal Pigneto al centro storico, sono 43 quelle censite dal Campidoglio che hanno spento i proiettori negli ultimi dieci anni. Eppure proprio da qui, da questi “abbandoni” urbani, sta sbocciando una nuova stagione. Come quella del Cantiere cinema Impero. La sala venne aperta nel quartiere di Torpignattara durante i primi anni del fascismo, ma se ne inaugurò una, con lo stesso nome, anche ad Asmara, come segno del colonialismo nostrano. Il cinema Impero di Roma continuò la sua programmazione fino agli anni ‘70 quando si abbassarono le saracinesche. Da quel momento è diventato un rifugio per i senzatetto. «Il progetto di ristrutturazione del proprietario dello stabile, Alessandro Longobardi, agli inizi del 2000, per farne alloggi universitari e un multisala – racconta Claudio Gnessi del coordinamento del Cantiere del cinema Impero – scatenò un’occupazione abitativa, sgomberata nel 2010». Nel novembre del 2011 il comitato di quartiere Torpignattara e l’associazione per l’Ecomuseo casilino Ad Duas Lauros hanno lanciato una petizione per la riapertura del cinema. «È stato un momento di partecipazione straordinaria di un intero quartiere. Quando abbiamo fermato la raccolta, di firme ne avevamo 4.000». Alla prima riunione del Cantiere Impero parteciparono in moltissimi: italiani, bengalesi, cinesi, maghrebini. Una città multietnica, finalmente unita. Le decisioni da prendere erano tante: bisognava capire come finanziare sia la ristrutturazione che il mantenimento dell’attività, come coinvolgere la comunità e che cosa realizzare negli spazi del cinema. «La richiesta che ha accomunato tutti gli abitanti – spiega Gnessi – è stata quella di uno spazio polifunzionale, con aree per l’intrattenimento, la formazione e la produzione artistica». Un vero e proprio percorso di partecipazione, che ha coinvolto anche la proprietà, grazie al quale si è arrivati al progetto esecutivo.
La ristrutturazione ad oggi ha investito 6 spazi di 100 metri quadrati per ogni piano. All’interno ci sono sale prova per la formazione teatrale e per la danza, che vengono affittate dalla proprietà per rientrare dell’investimento fatto. L’evoluzione del progetto prevede la realizzazione di una factory del cinema Impero, uno spazio della formazione, un coworking, un laboratorio sartoriale per i vestiti di scena e appunto sale prova per musica, teatro e danza. «Il proprietario ha addirittura migliorato il progetto del Cantiere, aggiungendo sul tetto della torre una struttura in legno dove si faranno performance teatrali». A mancare è però una regia pubblica, comunale, regionale o del Mibact. «Per ora – conclude Gnessi – è un impegno che ricade solo sui cittadini. C’è un privato che sta realizzando un progetto civico con il grande assente del pubblico. Sono le persone del quartiere che vanno a controllare i lavori». Il progetto è dei cittadini ed è grazie al radicamento nel territorio che ha avuto successo.

cinema-america

Proprio da questo tipo di relazione con il quartiere nasce anche l’esperienza del Nuovo cinema America, a Trastevere. Partita come un’occupazione della sala, rimasta chiusa per 14 anni, è un’esperienza interamente condotta da un gruppo di studenti che ha avuto il sostegno degli abitanti del Rione e di molte personalità del cinema. Sgomberata l’occupazione, i ragazzi dell’associazione Piccolo America hanno continuato a portare il cinema in luoghi “altri” come un liceo, il carcere femminile, il monte Ciocci, piazza San Cosimato. E il cinema America? «Non siamo ancora stati in grado di riaprirlo definitivamente – spiega Valerio Carocci, uno dei ragazzi – ma l’abbiamo per ora sottratto alla demolizione e speculazione. Abbiamo vinto al Tar contro il tentativo di rimozione dei vincoli ministeriali e aspettiamo la risposta dal Consiglio di Stato». Nell’aprile scorso hanno vinto il bando per l’assegnazione della Sala Troisi: «Il cuore rimarrà il cinema ma attorno a questo nasceranno nuovi progetti – spiega Carocci – E per la ristrutturazione terremo conto sempre delle richieste degli abitanti». L’obiettivo, come si legge sul sito piccolaamerica.it è quello di farne “un operatore culturale vivente, una palestra di democrazia, un laboratorio di rapporti sociali, un presidio di ragazzi a tutela dei territori e di valori come l’antifascismo e l’antirazzismo”.
Alla rigenerazione urbana fondata su valori condivisi, come la lotta alle mafie, si ispira anche l’esperienza, più recente, dello “Spazio comune cinema Aquila” (Scca), che unisce residenti, centri sociali, associazioni, resistenze territoriali autorganizzate e istituzioni. L’obiettivo è riaprire la sala del Pigneto, bene confiscato alla camorra nel ‘98, affidato dal Comune a una cooperativa sociale e di nuovo chiuso nel 2015. Il cinema avrebbe dovuto riaprire il 7 ottobre scorso. Purtroppo al momento di scrivere questo articolo non è ancora arrivata l’agibilità dello stabile e il percorso per ri-progettare l’“Aquila che verrà” è ancora in corso.

Coworking e non solo

dsc_0094-giusto

L’onda lunga della rigenerazione è arrivata anche nel mondo del lavoro. Grazie ai coworking. Luoghi in cui non si condividono solo gli spazi ma si intrecciano le competenze. «Nei coworking si è superato il fronte della condivisione per arrivare alla collaborazione – spiega Luigi Corvo, professore di Social entrepreneurship and innovation all’università di Tor Vergata – La vera economia di questi luoghi è nelle relazioni interne: le persone che si conoscono iniziano a creare progetti di imprenditorialità, aggiungono valore, creando delle piccole comunità». Un universo che sta crescendo e che incrocia il cambiamento delle città, attraverso la rigenerazione di spazi urbani. «Non essendo dei luoghi codificati, non esiste una mappatura vera e propria – continua Corvo – i numeri sono ancora molto esigui nel nostro paese. Ma quello che ci deve interessare è il “contagio” che il fenomeno sta innescando».
Un esempio su tutti è il Lab121, che di “contagi positivi” ne ha prodotti tanti. L’associazione no profit ha vinto nel 2011 l’assegnazione di uno spazio in uno stabile di edilizia popolare a Borgo Rovereto, nel centro storico di Alessandria. Il quartiere negli anni ha cambiato volto, soprattutto per i fenomeni di impoverimento sociale frutto della crisi economica. Oltre ad aprire un coworking, quelli di Lab121 stanno ripensando lo sviluppo del territorio in un’ottica collaborativa. «Siamo anche un Fablab, un centro per la rivitalizzazione di quella tradizione artigianale ormai scomparsa nel centro storico – spiega il fondatore Giorgio Baracco – e anche un Community hub, un centro di aggregazione per la comunità, progettata insieme alla casa di quartiere che abbiamo qui di fronte, gestita dall’associazione di don Gallo». A Lab121 si può seguire, in concreto, un corso per stampa in 3D, imparare a usare la fresa, prendere in prestito un libro nella biblioteca in lingua, comprare prodotti a chilometri zero e aggiustare un vestito nella sartoria di quartiere. In più Lab121 sta per completare la riqualificazione del cortile interno che diventerà una vera e propria piazza aperta ai cittadini. «Abbiamo chiesto allo Ied di Roma di proporci sei idee progettuali che abbiamo poi presentato in un convegno ai cittadini – continua Baracco – hanno votato la migliore che sta per essere completata grazie a diversi bandi europei e a un crowdfunding civico».

dsc_0001-giusto

Nel cortile della palazzina oggi ci sono siepi, panchine, il wi-fi e un palco per gli eventi. Un luogo finalmente restituito alla comunità. Ma non è finita qui. «Da queste esperienze associative è nata una cooperativa che offre servizi collaborativi alle imprese – conclude Baracco – Si va dalle reti d’impresa fino agli acquisti online dalle botteghe del centro, con consegna in bicicletta. Una parte del ricavato viene dato alla Caritas. Si tratta di un ulteriore modo per esaltare la relazione e non la competizione».
È la stessa filosofia di fondo, quella di un’economia civile, che mette al centro le persone e moltiplica i valori, a cui si ispira lo spazio di coworking Yoroom, inaugurato il 23 settembre a Milano, nel quartiere Isola. «Vorremmo contribuire alla costruzione di una comunità socialmente responsabile facendo impresa, creando sviluppo, sostenendo l’economia e avendo un impatto concreto sulla vita delle persone» spiega il fondatore Luca Diodà. Per farlo il coworking, aperto in un ex opificio dismesso, ha assunto lo status giuridico di società benefit, previsto in Italia dalle norme introdotte con la legge di stabilità del 2015. «Le Benefit corporation utilizzano modelli di gestione innovativi – aggiunge Diodà – non mirano solamente al profitto e lavorano per generare un impatto positivo sulla comunità». Nelle prossime settimane sarà lanciato da Yoroom un bando per talenti, progetti e imprese under 35 che metterà a disposizione dei vincitori postazioni di lavoro gratuite, supporto economico e possibilità di accedere a finanziamenti. E nell’arco di sei mesi verranno ospitate sia imprese sia organizzazioni no profit o associazioni che si occupano di migranti e rifugiati.

La nuova gioventù del Pilastro

rione-pilastro-1-foto-lino-bertone

La rigenerazione urbana fortunatamente non nasce solo dalla “buona volontà” dei cittadini o di singole imprese, magari giovanili. Può essere anche promossa e accompagnata dalle amministrazioni locali. È quello che è successo a Bologna con il Progetto Pilastro. Quest’anno il quartiere, nella periferia nord-est della città, noto per episodi di cronaca nera come quello della strage della Uno Bianca, compie 50 anni. Nonostante l’età, è entrato in una nuova giovinezza. E lo ha fatto grazie al progetto avviato nel 2014 e voluto dal sindaco, Virginio Merola, e dalla circoscrizione. «L’anniversario della nascita è stata un’occasione simbolica, – spiega Ilaria Daolio, coordinatrice del Progetto Pilastro 2016 – un pretesto per iniziare ad avviare un progetto sperimentale in una periferia cittadina». Le difficoltà che deve affrontare chi vive in questo quartiere-dormitorio, all’estremo di San Donato, nato alla metà degli anni ‘60 sotto la spinta dei flussi migratori dal Sud Italia e dalle campagne, sono tante. La lontananza dal resto della città si è sommata con un’altissima fragilità sociale, economica e culturale. «La composizione degli abitanti negli ultimi anni è cambiata – aggiunge Daolio – da un lato gli italiani che sono per la maggioranza anziani, dall’altro tantissime famiglie e giovani di origine straniera, con residenti di 14 nazionalità diverse. Questo ha portato a relazioni complesse, sia intergenerazionali che interculturali». Eppure, proprio qui, i cittadini sono stati molto attivi nel miglioramento del territorio e sono diventati i veri protagonisti del Progetto Pilastro 2016. «L’idea era di innescare un processo di sviluppo che avrà bisogno di tempi lunghi – continua Daolio – le azioni avviate sono non solo di riqualificazione fisica ma anche sociale».
Rifacimento di dieci facciate e dei marciapiedi, creazione di due zone con velocità massima delle auto a 30 km, conversione a led dell’illuminazione pubblica, realizzazione di una pista ciclabile, ristrutturazione di un’arena per spettacoli: l’elenco delle opere realizzate è significativo ma al Pilastro è avvenuto anche molto altro.

festa-del-baratto-foto-alessandro-zanini

«Tutti i cambiamenti fisici del quartiere sono stati fatti anche grazie alle attività di mediazione sociale e culturale, coinvolgendo gli abitanti – continua Daolio – I cantieri avviati sono stati tre, quello di “Sviluppo di comunità” coordinato dalla cooperativa Camelot, quello sulla “Narrazione del territorio” condotto dall’associazione Laminarie e quello sulla “Comunicazione e documentazione partecipata” guidato da Open group». Grazie al lavoro fatto insieme è stato aperto un “Archivio di comunità” digitale del quartiere con foto, audio e video degli abitanti, uno “Spazio di vicinato” in un negozio al piano terra, un luogo per la cittadinanza attiva e per l’autoaiuto. Qui è stato creato il blog “Pilastro 2016”, gestito da una redazione partecipata dai cittadini, che racconta notizie dal territorio e rilancia iniziative come le feste del baratto o la rassegna culturale durante i mesi estivi. Dal progetto è nata anche l’associazione Mastro Pilastro, che presto diventerà un’impresa sociale di comunità, con servizi che vanno dalla manutenzione allo sfalcio e cura del verde. «Ad accompagnare questi percorsi è un’agenzia locale di sviluppo, che ha tra i fondatori il Comune di Bologna e numerose imprese, con lo scopo di ricucire le tre aree che formano il distretto Pilastro nord-est – conclude Ilaria Daolio – ed è stato individuato lo spazio per una casa di comunità, un vero e proprio laboratorio di cittadinanza attiva». La rigenerazione avrà anche tempi lunghi ma produce cambiamenti a cascata.

Giornalista professionista, da sempre si occupa di questioni ambientali, sociali e di genere. Dal 2003 a La Nuova Ecologia, il mensile di Legambiente, di cui è stata anche coordinatrice, oggi segue la cultura e non solo. Da sempre realizza servizi video (dalle riprese alla post-produzione) per la televisione e per il web. Tra le sue collaborazioni quella con il "Nuovo Paese Sera" e "Left- Avvenimenti". È presidente dell'associazione culturale Marmorata169 che si occupa di "racconto di città". Contatti: galgani@lanuovaecologia.it @eligalgani
Ultimi articoli di

Parliamone

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *