Pasta e cavolo

IMG_8691 

È inverno e in questa stagione ci piace mangiare qualcosa di caldo sfruttando quello che offre la stagione. Ed il cavolfiore è  proprio il tipico ortaggio invernale di cui si mangia il fiore particolarmente carnoso e gustoso. Noto per le sue proprietà remineralizzanti, antinfiammatorie e antitumorali come tutte le crucifere (famiglia dei cavoli e broccoli vari). Tutte proprietà che, ahimè, si perdono quando facciamo bollire il cavolfiore in abbondate acqua salata e magari lo ripassiamo in padella con aglio e olio. L’ideale, dicono gli esperti, sarebbe mangiarlo crudo ma io sfido chiunque non sia uno chef esperto e fantasioso o un salutista, a mangiare a morsi un cavolfiore. La via di mezzo ci viene offerta dalla tradizione napoletana dove nella cucina povera la pasta è spesso abbinata a legumi e/o verdure. Sono popolarissime pasta e fagioli, pasta e piselli, pasta e lenticchie, pasta e zucca, pasta e cavolo.
ingredientiCi piace perché è veramente una preparazione “a rifiuti zero” dove nemmeno l’acqua di cottura si butta. Provate ad assaggiare una volta l’acqua di cottura del cavolfiore e vi sorprenderà per il sapore gustoso e il profumo avvolgente. La particolarità della “pasta e ….” alla napoletana è quella di cuocere tutto insieme partendo dal condimento (cavolo, altre verdure o legumi che siano) e aggiungendo la pasta alla fine. In questo modo  si conservano sia tutti i sali minerali e le vitamine (almeno quelle non termolabili) delle verdure sia l’amido della pasta che rende il piatto molto più cremoso e saporito.
L’acqua del cavolfiore appena cucinato puo’ anche servire a “bagnare” una bruschetta di pane toscano tostato, con aglio e olio. L’uso di pasta integrale, sia di grano che di farro, è una variante salutare e bella da vedere perché aggiunge colore al bianco del cavolfiore. A Napoli si usa “la pasta mista” che si trova in commercio, ma dato che integrale non c’è possiamo farla noi utilizzando vari formati.

come si cucina

Ultimi articoli di

Parliamone

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *