Nel cielo di novembre Perseo

perseo-2016-fin
Il Perseo (SkyMap Pro, modificato dall’Autore)

Nel mese di novembre, alle ore 22,00, Pegaso, Andromeda, Cassiopea, Cefeo e Perseo, si proiettano alte nel cielo. Le deboli stelle dell’Eridano, della Balena e dei Pesci a Sud. Lira, Cigno e Aquila scendono ad Ovest sempre più vicine all’orizzonte, con Aquario e Pesce Australe, ma alle prime luci della sera il luminoso Venere sarà ancora visibile nel Sagittario e ne lambisce l’orizzonte anche  il Capricorno con il rosso Marte, sempre più debole e lontano dalla Terra. Ad Est, troviamo i luminosi asterismi dei Gemelli, Toro e Auriga, lo splendido Orione sale dall’orizzonte, e, all’alba, sorge Giove nella Vergine (http://divulgazione.uai.it).

Il mito del Perseo si lega al grande mito di Andromeda. La Regina Cassiopea aveva detto che sua figlia, Andromeda, era più bella delle Nereidi del mare. Il dio Nettuno si infuriò e dopo minacce al padre di Andromeda, Cefeo, costrinse quest’ultimo a incatenare la bella figlia ad una roccia sul mare dove il mostro, Balena , l’avrebbe divorata. Perseo è l’eroe che salverà Andromeda uccidendo il mostro Balena.  Abbiamo già incontrato  Mirfak, il sole triplo, Algol,  la “ testa del demone” e la supergigante blu Menkib, Zeta Persei. Oggi incontriamo Epsilon Persei. Una stella che ci appare di terza magnitudine, 28 000 volte più luminosa e 14 volte più massiccia del nostro Sole, di colore azzurro. Una stretta compagna orbita in 14 giorni intorno alla principale, invisibile ai telescopi, la sua presenza è rilevata dalle variazioni spettrali della principale. Epsilon Persei è una pulsante, va incontro a lieve, ritmiche, variazioni di luminosità di 1 decimo di magnitudine di ampiezza (al limite di percettibilità dell’occhio nudo). A 200 miliardi di km orbita un’altro sole, una stella bianco-azzurra leggermente più grande del Sole. Compie la sua orbita in 1600 anni. Di settima magnitudine, con un piccolo telescopio agevolmente le due stelle appariranno ben separate. 540 anni luce dalla Terra.

Oggetto del mese
La Super Luna del 14 novembre

Ne parlerà la rete in innumerevoli siti, non possiamo anche noi far notare come il 14 novembre la Luna Piena sarà al perigeo, la distanza minima dalla Terra, e si avvicinerà fino a 356.511 km dalla Terra. Sarà in effetti una superluna speciale, la più vicina alla Terra dal 26 gennaio 1948 (quando si avvicinò a 356.461 km) e dovremo attendere il 25 novembre 2034 per vederla ancora più vicina (356.445 km) (vedi anche http://divulgazione.uai.it/index.php/Cielo_di_Novembre_2016). La differenza rispetto ad una Luna Piena degli altri mesi non è enorme, ma c’è e la si può in effetti apprezzare ad occhio nudo.

 Giorgio Bianciardi

 Unione Astrofili Italiani, www.uai.it

 

Ultimi articoli di

Parliamone

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *