C’è uno straordinario percorso urbano che si svolge lungo il vecchio tracciato della ferrovia che portava a Viterbo: è il Parco Lineare più lungo di Roma. Si arriva a piedi da Monte Mario al Monte Ciocci, subito sopra la Basilica di San Pietro in Vaticano. Si tratta di una pista ciclo-pedonale che con i suoi 5 km per 1% di pendenza media, costeggia la linea ferroviaria metropolitana FL3.

Una traccia urbana emblematica anche perché può essere considerata come la via migliore per collegare Via Trionfale, considerata l’ultimo tratto della Via Francigena, al centro della cristianità. Il Parco Lineare di Monte Mario può quindi candidarsi come “nuova Via Francigena” visto che la via Trionfale comporta non poche criticità per i percorsi pedonali, il punto terminale, il Monte Ciocci è un’area verde riconsegnata alla città dopo decenni di abbandono, noto per essere stato scenario del film “Brutti sporchi e cattivi” di Ettore Scola, con Nino Manfredi protagonista di una commedia amara, in una baraccopoli che evoca il degrado in cui è stato lasciato per decenni questo monte che sovrasta il Vaticano.

Il 13 settembre, durante una passeggiata del progetto dell’Estate Romana, verrà assegnato al Parco Lineare il premio Abitare Verde, definito nell’ambito del convegno “Roma Smart Community”, in quanto esempio emblematico di resilienza urbana.

Ultimi articoli di

Parliamone

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *