Dovremmo esportare consapevolezza col sorriso, non “democrazia” con le bombe

Dovremmo cercare di esportare consapevolezza col sorriso, non “democrazia” con le bombe. Non dovremmo sentirci in colpa per un sorriso o una bella foto, ma dovremmo sentirsi in colpa ogni volta che possiamo agire in maniera concreta e non lo facciamo. Ed oggi la scelta Vegan è la scelta pacifica e più concreta per tutelare uomini, animali ed ambiente.  (di Lorenzo “Veg” Lombardi)

lorenzo con creditsSi può ancora sorridere ? Si può ancora postare una foto allegra sui social network ? Non nascondiamo di non esserci posta la questione dopo le continue brutture che viviamo ogni giorno.

Attentati in Europa. Il colpo di stato farlocco in Turchia che però è costato la vita ad almeno  300 persone e che ora sta generando altri morti, purghe, violazione dei diritti umani. In Siria ogni giorno muoiono centinaia di persone sotto le bombe occidentali. Milioni di animali macellati ogni giorno. Malnutrizione in Africa mentre Madre Terra dà cibo vegetale per ogni individuo del pianeta. Non dovremmo infatti dimenticare mai che il cibo che nutre i poveri animali macellati ogni anno potrebbe sfamare 8,7 miliardi di persone. Ed a causa dell’alimentazione carnea sono migliaia le persone che muoiono ogni giorno per malnutrizione. E questa è una strage continua. 

Purtroppo poi nei “media tradizionali” esiste una scala dei morti: un attentato in Europa fa senza dubbio molto più notizia dei morti in Siria o altre guerre nel sud del mondo, anche perchè la maggior parte delle guerre sono generate da interessi di paesi e multinazionali del cosidetto primo mondo. Senza poi parlare del continuo e terribile olocausto animale che viene tenuto ancora troppo nascosto da ogni media, e viene ancora troppo tristemente ignorata non solo la sofferenza di miliardi di animali, ma anche  i danni collaterali che l’alimentazione carnea genera ( inquinamento, sottrazione di cibo e terre ai paesi poveri, deforestazione, malattie)

Se usciamo dalla nostra nicchia protetta da sempre più labili e fragili confini dobbiamo ammettere con onestà intellettuale che ci sono tante cose brutte nel mondo e se una persona è un minimo empatica o anche solo informata non può che sorgere spontanea la domanda, se è giusto sorridere.

Noi ci siamo posti la questione più volte, e possiamo dirvi ciò che pensiamo, senza la pretesa di dare soluzioni a problemi così vasti, ma dando invece dati e numeri precisi e dettagliati con cui ognuno poi farà ciò che vuole.

Un grande Maestro Buddista Zen di meditazione e spiritualità Tich Nhah Hanh, (con cui lo scrivente ha avuto anche il piacere e l’onore di praticare) disse una volta: “se durante i bombardamenti senti i bambini piangere fuori dal tuo monastero non puoi rimanere a meditare anche se il tuo monastero  non è stato colpito. Devi uscire ad agire. Ma al tempo stesso se smetterai di meditare, non potrai andare tanto avanti perchè tutto quel dolore ti distruggerà”.

Tich Nath Hanh ha vissuto la guerra del Vietnam e, per il suo impegno pacifista, fu addirittura Martin Luther King a  candidarlo  per il premio Nobel per la pace. Nonostante ciò, anzi proprio a causa del suo impegno non violento, fu espulso dal suo paese ed ha vissuto momenti durissimi.

In questi momenti crediamo pertanto necessario ricordare le parole dei grandi Maestri e dei grandi saggi.

Dovremmo sorridere consapevolmente. Se pensiamo alle continue ingiustizie che succedono nel mondo, non possiamo che agire per fare la nostra parte. Ma se lasciamo che sia la rabbia, la tristezza, la desolazione o altro sentimento negativo a comandare le nostre azioni, non potremmo andare molto avanti. Faremo altre azioni non consapevoli e ci autodistruggeremo.

La scelta Vegan è una scelta di sorrisi e di consapevolezza. E’ una scelta a favore della vita e pertanto diventa naturale non mangiarsela !

E’ una leva diretta contro lobbies e multinazionali. E’ una scelta omnicomprensiva perchè come abbiamo già scritto (vedi articolo il significato della parola vegan) è una scelta non solo di rispetto verso gli animali, ma una scelta contro ogni discriminazione, sessismo, razzismo, specismo. E’ una autentica,pacifica, rivoluzione interiore

Non dovremmo smettere di sorridere in maniera consapevole. Dovremmo cercare di esportare consapevolezza col sorriso, non “democrazia” con le bombe. Non dovremmo sentirci in colpa per un sorriso o una bella foto, ma dovremmo sentirsi in colpa ogni volta che possiamo agire in maniera concreta e non lo facciamo.

Se siamo consapevoli, se manteniamo un sorriso interiore, capiremo facilmente quali sono le scelte a favore di uomini, animali ed ambiente. E sicuramente la scelta vegan è la più immediata e diretta.

Dobbiamo mantenere la nostra serenità interiore e dovremmo essere contagiosi in ciò, ma dovremmo al tempo stesso essere consapevoli che ci sono tante ingiustizie nel mondo e dovremmo fare la nostra parte per cambiarle.

Io, nel mio piccolo, lo faccio parlando e scrivendo.

Ultimi articoli di

Parliamone

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *