Emergenza smog,
Torino al primo posto

A capeggiare la top ten delle città più inquinate è il centro sabaudo con 86 giorni di sforamento. A seguire Frosinone Scalo e Milano. Negli ultimi 6 giorni il capoluogo piemontese ha anche un altro primato in negativo: insieme a Brescia  è  il centro che negli ultimi 6 anni ha sempre superato il limite per pm10, ossidi di azoto e ozono
ICONA_video CHE COSA SI PUO’ FARE CONTRO LO SMOG

torino

A capeggiare la top ten delle città più inquinate è Torino con 86 giorni di sforamento in tutto il 2016. A seguire Frosinone Scalo con 85 e Milano con 73 giorni. Ma Torino negli ultimi 5- 6 giorni ha anche un altro primato in negativo: insieme a Brescia  è la città che negli ultimi 5/6 anni ha sempre superato il limite per pm10, nox e ozono.

Anche oggi per Torino, tredicesima giornata consecutiva di sforamento del limite di 50 microgrammi per metro cubo di pm10, i veicoli più inquinanti non potranno circolare. E le previsioni sulla concentrazione di polveri sottili nell’aria di Torino non fanno ben sperare nemmeno per mercoledì.

I limiti e gli orari sono quelli previsti dall’ordinanza firmata a metà dicembre dalla sindaca Chiara Appendino e tornata in vigore il 28 dicembre, allo scattare del settimo giorno di sforamento.
 
Se la situazione, anziché migliorare, dovesse peggiorare allora scatterebbero misure più severe, rispetto al blocco dei diesel Euro 3: il blocco dei diesel Euro 4, allo scattare dell’allarme “arancio”, dopo tre giorni consecutivi di concentrazioni superiori ai 100 microgrammi; il blocco totale della circolazione privata con il colore “rosso vivo”, nel caso si dovesse registrare una concentrazione di pm10 sopra i 180 microgrammi per metro cubo. 
 

 

La testata è nata nel 1978 con il nome di Ecologia (diventerà La Nuova Ecologia l'anno successivo) insieme ai primi gruppi ambientalisti... Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia
[twitter-timeline id=657236406335574016 username=lanuovaecologia]
Ultimi articoli di

Parliamone

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *