Centro oli Eni, Guidi si dimette

Federica-Guidi
 
Federica Guidi si dimette da ministro dello Sviluppo economico dopo la pubblicazione di una conversazione con il suo compagno, Gianluca Gemelli, intercettata nell’ambito di un’inchiesta della procura di Potenza sullo smaltimento dei rifiuti legati alle estrazioni petrolifere.
 
L’inchiesta porta a sei arresti e al blocco della produzione dell’Eni in Val D’Agri, come conseguenza di due sequestri nel centro oli di Viggiano. Guidi non è iscritta agli atti, Gemelli risulta indagato.
Alla sua lettera di dimissioni le risponde Matteo Renzi dagli Usa, accettandole: “Cara Federica ho molto apprezzato il tuo lavoro di questi anni. Serio, deciso, competente”, aggiungendo tra l’altro di rispettare la sua scelta “personale sofferta, dettata da ragioni di opportunità” che condivide. Quindi l’indicazione sul futuro del dicastero dello Sviluppo: “procederò nei prossimi giorni a proporre il tuo successore al capo dello Stato”.
La testata è nata nel 1978 con il nome di Ecologia (diventerà La Nuova Ecologia l'anno successivo) insieme ai primi gruppi ambientalisti... Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia
Ultimi articoli di

Parliamone

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *