Primo piano

depositphotos_27952173-stock-photo-huge-forest-fire-threatens-national

Ecco i responsabili dell’incendio in Portogallo

L’87%% delle foreste appartiene a privati che hanno privilegiato la monocultura dell’eucalipto. Veloce nella crescita, con dispendio d’acqua e nutrienti, brucia rapidamente. E nel 2006,  il governo socialista ha sciolto il Corpo das Guardas Florestais, integrandolo nei ranghi della polizia criminale…

ottenere-ecobonus-1024x681
C_109_articolo_12397_lstParagraph_paragrafo_0_upiImg
20120405110219_fiume
STop-Ceta
riciclo

Gli italiani sempre più attenti alle questioni ambientali

Smog, gestione inefficiente dei rifiuti e cambiamenti climatici i temi più sentiti. Cresce la convinzione che l’economia circolare sia l’economia del futuro. Nel secondo giorno dell’EcoForum presentata la ricerca di Lorien Consulting sulla sensibilità ambientale degli italiani e il rapporto dell’osservatorio Recycle di Legambiente sull’economia circolare nel settore delle costruzioni
ICONA_recensioni Economia circolare, tutti gli ostacoli
TUTTI I COMMENTI VIDEO:
ICONA_video Stefano Ciafani, direttore di Legambiente

ICONA_video
Rossella Muroni, presidente di Legambiente
ICONA_video Alessandro Bratti, Commiss. parlamentare inchiesta ciclo rifiuti

ICONA_video
Conai: “Smaltite 4 milioni di tonnellate di imballaggi”
ICONA_video
Viscolube: “Gli esempi virtuosi fanno scuola”
ICONA_video
Cobat: “Ci occupiamo di futuro”
ICONA_video Ecopneus: “Ecco come ricicliamo i vostri pneumatici”
ICONA_video
Conou: “Con l’economia circolare bisogna ripartire dal fondo”
ICONA_video
CIC: “Ecco i tre ostacoli per l’economia circolare”
ICONA_video
Mons. Lo Judice: “Importante essere qui per l’enciclica del Papa”
ICONA_video La gestione dell’umido nell’economia circolare
ICONA_video
Zampetti, Legambiente: “Ecco l’economia circolare dal basso”
ICONA_video
Zanchini, Legambiente: “Edilizia è cantiere dell’economica circolare”
ICONA_video Enel per l’economia circolare
ICONA_video Iterchimica: “Si riusa l’asfalto solo tra il 10 e il 30%”
ICONA_video
Economia circolare, il ruolo del ministero dell’ambiente

 

 

Hamburg_Rathaus
environmental-protection-683437_1280-720x720

Economia circolare, tutti gli ostacoli

Legislazione inadeguata, vincoli e ritardi normativi frenano l’economia circolare. Pneumatici fuori uso, sacchetti compostabili, pannolini usati, rifiuti di fonderia e di demolizione: 5 storie di filiere virtuose a rischio chiusura per problemi non tecnologici. Ecco il report della prima giornata di EcoForum

TUTTI I COMMENTI VIDEO:
ICONA_video Stefano Ciafani, direttore di Legambiente

ICONA_video
Rossella Muroni, presidente di Legambiente
ICONA_video Alessandro Bratti, Commiss. parlamentare inchiesta ciclo rifiuti

ICONA_video
Conai: “Smaltite 4 milioni di tonnellate di imballaggi”
ICONA_video
Viscolube: “Gli esempi virtuosi fanno scuola”
ICONA_video
Cobat: “Ci occupiamo di futuro”
ICONA_video Ecopneus: “Ecco come ricicliamo i vostri pneumatici”
ICONA_video
Conou: “Con l’economia circolare bisogna ripartire dal fondo”
ICONA_video
CIC: “Ecco i tre ostacoli per l’economia circolare”
ICONA_video
Mons. Lo Judice: “Importante essere qui per l’enciclica del Papa”
ICONA_video La gestione dell’umido nell’economia circolare
ICONA_video
Zampetti, Legambiente: “Ecco l’economia circolare dal basso”
ICONA_video
Zanchini, Legambiente: “Edilizia è cantiere dell’economica circolare”
ICONA_video Enel per l’economia circolare
ICONA_video Iterchimica: “Si riusa l’asfalto solo tra il 10 e il 30%”
ICONA_video
Economia circolare, il ruolo del ministero dell’ambiente

 

 

migranti ambientali_600x_f69e3310a642deb330e0fb262b4abd2b

“Profughi ambientali”? L’Europa sta a guardare

In occasione della giornata mondiale del rifugiato è importante evidenziare che i cambiamenti climatici cominciano ad essere una delle principali cause delle migrazioni internazionali. Ma nessun migrante alla domanda su che cosa lo ha costretto a fuggire risponderà questo. Poiché non avrebbe diritto a nessuna protezione

san-bernardino-71-640x427

Estate torrida: è allarme incendi e siccità

L’ultimo in ordine di tempo è l’inferno di fuoco scoppiato nella foresta di Pedrógão Grande in Portogallo. Ma questi giorni di caldo intenso hanno vessato anche la nostra Penisola, peggiorando roghi di origine anche dolosa. Ad affrontarli non più il corpo forestale dello Stato, ormai soppresso, ma i vigili del fuoco già da tempo sotto organico. E dal Monte Bianco al Sud, passando per Roma, è crisi idrica