Canili, il decalogo di Legambiente per cambiare

CANILE MUNICIPALE


1.
Tavolo nazionale permanente su animali d’affezione Anci-Regionigoverno che si riunisca almeno due volte all’anno e che rendiconti annualmente le azioni decise, i risultati attesi e i risultati raggiunti.

2. Accordo Regioni-governo per passare entro 12 mesi dalle attuali 21 banche dati dell’anagrafe animali d’affezione regionali a un’unica banca dati dell’anagrafe animali d’affezione nazionale, integrata anche con i dati sullo status riproduttivo dell’animale (sterilizzato o no), con autorizzazione all’accesso di inserimento e modifica dati attraverso tutti i veterinari pubblici e privati iscritti all’ordine e pienamente consultabile online da tutti i cittadini.

3. Accordo Anci-Regionigoverno per passare entro 12 mesi dall’attuale sistema di scarsi controlli (1 controllo/anno ogni 6.000 cittadini) del rispetto della normativa vigente (ad esempio sull’iscrizione degli animali all’anagrafe, sul maltrattamento e sulla corretta custodia) a un efficace sistema di controllo (1 controllo/anno almeno ogni 600 cittadini) realizzato d’intesa fra polizia locale e servizi veterinari pubblici (in Italia è presente un cane ogni 3-6 cittadini).

4. Accordo Anci-Regioni per attivare un sistema nazionale omogeneo ed efficace di sterilizzazione di tutti i cani e gatti non padronali.

5. Piano nazionale Anci per attivare incentivi e facilitazioni comunali di varia natura a chi adotta cani e gatti presenti nelle strutture comunali o convenzionate.

6. Piano nazionale Anci per attivare incentivi e facilitazioni comunali di varia natura a chi registra e gestisce le colonie feline presenti nel territorio comunale.

7. Accordo Anci-Regionigoverno per attivare incentivi di varia natura a organizzazioni animal care no profit riconosciute che adottino cani e gatti presenti da almeno due mesi nelle strutture pubbliche o convenzionate.

8. Accordo Anci-Regionigoverno con Federazione nazionale degli ordini veterinari italiani per attivare incentivi alla sterilizzazione di cani e gatti privati.

9. Accordo Anci-Regionigoverno per attivare diversi disincentivi, anche fiscali, a chi detiene cani e gatti non sterilizzati.

10. Accordo Anci-Regionigoverno per proporre adeguamenti alla normativa nazionale su animali d’affezione che definiscano fonti di finanziamento, procedure omogenee di adozione di cani e gatti non padronali, istituzione albo nazionale organizzazioni animal care no profit e periodo massimo entro cui cura e gestione di cani e gatti non padronali sono sostenuti dalle pubbliche amministrazioni.

La testata è nata nel 1978 con il nome di Ecologia (diventerà La Nuova Ecologia l'anno successivo) insieme ai primi gruppi ambientalisti... Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia
Ultimi articoli di

Un pensiero su “Canili, il decalogo di Legambiente per cambiare”

Parliamone

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *