Big Jump: un salto per l’acqua

big_jump_2

Non fatevi ingannare. Non è un semplice bagnetto di inizio estate. Il “big jump” nei laghi e nei fiumi delle nostre città domenica 9 luglio alle ore 15 ha come obiettivo quello di chiedere alle amministrazioni di tutelare la salubrità delle nostre acque e impegnarsi di più per la balneabilità dei corsi d’acqua.

I fiumi italiani costituiscono un patrimonio importantissimo per il nostro Paese e contribuiscono a rendere unici i nostri paesaggi. Le minacce alla sua salubrità sono molteplici: realizzazione di manufatti e infrastrutture nelle aree golenali, abusivismo edilizio nelle zone di espansione naturale dei corsi d’acqua, cementificazione, prelievo abusivo di inerti dagli alvei, pesca illegale, inquinamento delle acque, centrali idroelettriche.

Tutto questo continua a compromettere la qualità dei fiumi e impoverisce il territorio italiano. Tuffiamoci per chiedere a gran voce più attenzione per i fiumi, le loro acque, il paesaggio e tutto l’ecosistema acquatico.

Anche quest’anno, Legambiente porta in Italia il Big Jump, campagna europea di European Rivers Network (ERN), nata nel 2005 per chiedere alle amministrazioni di rispettare l’obiettivo di “buono stato ecologico” previsto dalla direttiva 2000/60.

Purtroppo questo obiettivo non è stato raggiunto e in Europa soltanto il 43% dei laghi e il 53% dei fiumi presenta attualmente un buono stato ecologico, un risultato tutt’altro che positivo! Se guardiamo all’Italia la situazione è ancora meno confortante, dove l’obiettivo è stato raggiunto solamente nel 35% dei laghi e nel 40% dei fiumi. La campagna e i tuffi quindi continuano!

La testata è nata nel 1978 con il nome di Ecologia (diventerà La Nuova Ecologia l'anno successivo) insieme ai primi gruppi ambientalisti... Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia
Ultimi articoli di

Parliamone

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *