In bici a Roma con l’Appia Day

appia-antica-bici

L’ 8 maggio a Roma l’Appia antica rimarrà chiusa al traffico ma aperta a pedoni e ciclisti per un’intera giornata. Una vera e propria festa, l’Appia day, sarà il culmine di un percorso durato 20 anni.  «Antonio Cederna ha lasciato in eredità un sogno a lungo coltivato ma mai realizzato – spiega Alberto Fiorillo responsabilità Mobilità di Legambiente  –  quello di trasformare l’Appia Antica da arteria capitolina a parco archeologico». Un’area che dalla Colonna Traiana e dal Foro Romano fino ai Colli Albani ingloba Colosseo, Palatino, Terme di Caracalla, mura Aureliane e poi via via la valle della Caffarella e l’area degli Acquedotti. Un percorso unico che restituisce dignità, rispetto e prestigio internazionale alla più straordinaria area archeologica d’Italia.

Nel ventennale della sua scomparsa molte associazioni italiane, tra cui Legambiente, Touring Club Italia e Federtrek, hanno raccolto questa sfida. La via sarà chiusa al traffico e potranno accedervi solo pedoni e biciclette. Finora l’Appia è stata utilizzata principalmente come carreggiata per i mezzi di trasporto privato e pubblico che devono raggiungere il centro: le associazioni promotrici dell’evento chiedono a gran voce la pedonalizzazione dell’Appia Antica per rendere questa area di ineguagliabile pregio culturale fruibile a turisti e romani.

La giornata prevede gite e visite gratuite ai monumenti da fare a piedi o anche in sella alla bicicletta in compagnia di guide e narratori esperti della storia e dell’archeologia della Regina Viarum alla scoperta dell’antico lustro che possiede questo quadrante della città. Saranno presenti anche molti sindaci che amministrano le città attraversate dalla via Appia al di là del territorio dell’Urbe: parteciperanno come testimoni dell’importanza di una strada costruita nel 312 A.C., un prezioso collegamento tra Occidente (Roma)  e Oriente (porto di Brindisi). Sono previsti anche momenti di puro svago, come giochi e intrattenimento per bambini, ed esibizioni itineranti di musicisti come, ad esempio, l’Orchestra di Piazza Vittorio.

Oltre alla chiusura al traffico dell’Appia l’evento mira a far conoscere il percorso del Grab, il Grande raccordo anulare delle biciclette ideato da Legambiente, Velolove e Touring Club Italia, già approvato dal ministero dei Trasporti e delle infrastrutture. Un percorso ad anello di 43 chilometri che porta a visitare zone note, come ad esempio il Colosseo e meno note come il Quadraro.

La prima pietra per un’Appia a misura di uomo sarà poggiata l’8 maggio, la strada è tutta da fare insieme.

Ultimi articoli di

Parliamone

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *