Bibliografia su Cernobyl

Preghiera per ChernobylSvetlana Aleksievič
Preghiera per Chernobyl
Edizione e/o pp. 300, 14 euro 

“Per tre anni ho viaggiato e fatto domande a persone di professioni, destini, generazioni e temperamenti diversi. Credenti e atei. Contadini e intellettuali. Čhernobyl è il principale contenuto del loro mondo. Esso ha avvelenato ogni cosa che hanno dentro, e anche attorno, e non solo l’acqua e la terra. Tutto il loro tempo. Questi uomini e queste donne sono stati i primi a vedere ciò che noi possiamo soltanto supporre… Più di una volta ho avuto l’impressione che in realtà io stessi annotando il futuro”. Dalle parole del premio Nobel sul suo libro.

 

Emanuela Zuccala-iardino atomicoEmanuela Zuccalà
Giardino atomico
Formato: Ebook EPUB
80, 3,49 euro

I dati pubblici dell’Unscear (la commissione sugli effetti delle radiazioni nucleari delle Nazioni unite) e il governo ucraino affermano che il pericolo è passato, minimizzando il rischio legato alle radiazioni, ma le indagini indipendenti di Greenpeace e di Legambiente asseriscono il contrario. Chi è tornato o si è trasferito a vivere sui terreni e nelle case nei dintorni della centrale è costantemente a rischio. La giornalista Zuccalà torna sulla scena. Per raccontare e denunciare: sul pianeta ci sono 442 centrali nucleari attive e 65 in fase di realizzazione. Una delle quali nella vicina Bielorussia.

 

Copertina1.inddLucia Venturi
Ti ricordi di Cernobyl?
Infi nito edizioni
160, 5,90 euro

Una ricostruzione dettagliata della catastrofe ucraina e una raccolta di testimonianze di fi sici, giornalisti e ambientalisti che dallo scoppio della centrale si sono occupati del caso. Ospita i contributi, fra gli altri, di Sergio Zavoli, Ermete Realacci, Paolo Gentiloni, Peppe Ruggiero, Gianni Mattioli, Stefano Ciafani. E offre lo scenario dell’area al ventennale dell’incidente.

 

 

Francesco Cataluccio-ChernobylFrancesco Cataluccio
Chernobyl
Sellerio editore
159, 12 euro

Per tutti Chernobyl è il disastro nucleare ma in tutta la zona nei decenni precedenti si susseguirono diverse efferatezze, oltre alle guerre fra ucraini, russi e polacchi. Alle vendette staliniane si alternarono le stragi naziste: gli “Holomodor” (la morte infl itta attraverso la fame), durante le carestie della collettivizzazione forzata cancellò un terzo degli ucraini e il loro universo contadino. Qui furono anche annientati gli ebrei e la loro cultura. Cataluccio racconta tutto ciò, mischiando autobiografi a e storia.

 

Paolo Parisi-ChernobylPaolo Parisi
Chernobyl
Editore Becco Giallo
pp. 128, 11,90 euro

La matita di Paolo Parisi fa i conti con una storia dirompente: all’una e ventitrè del 26 aprile 1986 il reattore numero quattro della centrale nucleare di Chernobyl raggiunge nel giro di venti secondi cento volte la sua potenza nominale. Il mondo si trova a fare i conti con la peggiore catastrofe tecnologica e ambientale nella storia dell’umanità. Un disastro dimenticato. Eppure metafora perfetta del mondo che ci circonda, del rapporto che l’uomo ha con la tecnologia, della costante disinformazione a ogni nuova catastrofe.

Giornalista professionista, da sempre si occupa di questioni ambientali, sociali e di genere. Dal 2003 a La Nuova Ecologia, il mensile di Legambiente, di cui è stata anche coordinatrice, oggi segue la cultura e non solo. Da sempre realizza servizi video (dalle riprese alla post-produzione) per la televisione e per il web. Tra le sue collaborazioni quella con il "Nuovo Paese Sera" e "Left- Avvenimenti". È presidente dell'associazione culturale Marmorata169 che si occupa di "racconto di città". Contatti: galgani@lanuovaecologia.it @eligalgani
Ultimi articoli di

Parliamone

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *