redazione

La testata è nata nel 1978 con il nome di Ecologia (diventerà La Nuova Ecologia l'anno successivo) insieme ai primi gruppi ambientalisti... Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia
Laura Boldrini
cavalluccio-1742395_960_720

Oggi è la Giornata mondiale della biodiversità

La festa proclamata dall’Onu per celebrare l’adozione della Convenzione sulla diversità biologica, viene festeggiata in tutto il mondo con centinaia di iniziative. Legambiente è con la presidente della Camera Laura Boldrini e la sottosegretaria all’ambiente Silvia Velo per l’anteprima della campagna di Legambiente – Spiagge e fondali puliti in programma ad Ostia (Rm)
ICONA_documenti IL DOSSIER “BIODIVERSITA’ A RISCHIO”
ICONA_video VIDEO 5X1000 SULLA TARTARUGA ONDINA

 

IMG_3663

INSIEME, SENZA MURI

volontari_legambiente
islam
profughiallavoro

Ravenna, volontariato inclusivo e di pubblica utilità

Il Circolo di Legambiente “Matelda”, insieme alla Cooperativa sociale “Persone in Movimento”, che si occupa di richiedenti asilo e vittime di tratta e grave sfruttamento lavorativo, e in collaborazione con Laboriosamente coordina l’organizzazione di una giornata di volontariato per la cura e la bellezza della città

Bologna-Panorama-dalla-Torre-degli-Asinelli
raccolta-differenziata-multilingue-legambiente

Rovigo, “Ecologia interculturale”

Rivolto in particolare alle donne immigrate residenti sul territorio di Rovigo e ai rifugiati politici. Il progetto mirava a sensibilizzare su tematiche ambientali, sul risparmio idrico ed energetico, sulla corretta raccolta differenziata e sull’uso consapevole dei prodotti chimici nelle faccende domestiche

images

Legambiente: “L’Europa deve cambiare rotta”

Su un totale di 207.570 richiedenti asilo nel biennio 2015 – 2016 i primi 10 paesi di provenienza sono i paesi colpite dagli effetti più violenti dei cambiamenti climatici, soprattutto nelle forme della siccità e della desertificazione nell’Africa Subsahariana. Legambiente: “La politica delle esternalizzazioni scelta dalla UE e sostenuta, nonché applicata con grande rapidità dall’Italia, mette in campo una nuova forma di colonialismo ancora più feroce”