Quando si parla di rigenerazione urbana il punto chiave è promuovere iniziative che attivino le risorse sociali e culturali del territorio, per rilanciare un valore identitario coniugato con i nuovi linguaggi della comunicazione multimediale.

È il caso di Staffettartigiana, promosso da Esperimenti architettonici che ad Altamura, grazie al sostegno del Comune e della Regione Puglia, dal 2012, ha intrapreso un percorso per rivalutare gli antichi mestieri delle culture artigiane. Si è sviluppato in tre fasi: l’attivazione di laboratori partecipativi di coprogettazione, la raccolta audiovisiva di testimonianze da pubblicare sul web, la mappatura di itinerari nel centro storico supportata da un geoblog in cui inscrivere le storie artigiane nelle geografie della città pugliese. Il Museo etnografico dell’Alta Murgia è stato campo base di questa attività accogliendo sia i brainstorming di coprogettazione sia i set di ripresa video.

Questo processo ha alimentato un “digital storytelling”, attraverso cui dare una forma innovativa alle esperienze narrate da ceramisti, fabbri, falegnami, materassaie, gelatai e da “makers” e nuovi artigiani digitali che operano con le nuove tecnologie. Esperimenti architettonici ha inoltre sviluppato l’iniziativa #SottaninRete, un processo partecipato attraverso il quale ci si è impegnati nella rivalutazione di locali interrati un tempo utilizzati come depositi o come botteghe artigiane e oggi spesso abbandonati.

urbanexperience.it

Ultimi articoli di

Parliamone

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *