Speciale Ecomondo

L’Italia risulta essere il secondo paese europeo per quanto riguarda l’agricoltura biologica. Sul totale delle imprese italiane il 42% è green. Questi alcuni dei dati più rincuoranti emersi dalla prima sessione degli Stati Generali sulla Green Economy. Ci sono, ovviamente, anche cose che non vanno. Il 2015, ad esempio, potrebbe essere il primo anno di calo della produzione di energia da fonti rinnovabili, dopo anni di crescita ininterrotta.

«Dalla relazione presentata oggi – ha dichiarato Edo Ronchi, del Consiglio Nazionale della Green Economy – emerge che le imprese green sono ormai una parte decisiva e qualificante dell’economia italiana. Non mancano le difficoltà, ma le imprese green restano la parte più dinamica del sistema produttivo italiano».

La Relazione, un ampio studio sulle imprese italiane in tutte le sue sfaccettature (industria, edilizia, agricoltura, servizi e commercio), è stata suddivisa in tre parti: nella prima sono stati presentati i risultati di un’indagine sulle imprese della green economy italiana, la seconda ha esposto le tematiche strategiche necessarie per la green economy e la terza ha fornito dati e spunti internazionali.

La testata è nata nel 1978 con il nome di Ecologia (diventerà La Nuova Ecologia l'anno successivo) insieme ai primi gruppi ambientalisti... Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia
Ultimi articoli di

Parliamone

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *