50 milioni di euro alle imprese sociali in Italia

Il Fondo europeo per gli investimenti (FEI) e Banca Etica hanno firmato il primo accordo di garanzia per l’imprenditoria sociale in Italia nell’ambito del programma dell’UE per l’occupazione e l’innovazione sociale (EaSI)

economia socialeIl nuovo accordo di garanzia permette a Banca Etica di offrire un totale di 50 milioni di euro a 330 imprenditori sociali nei prossimi 5 anni, a favore di imprese sia spagnole che italiane.

Le imprese sociali, comprese quelle che impiegano persone con disabilità, disoccupati di lungo periodo, migranti e richiedenti asilo, potranno beneficiare, nell’ambito del programma sostenuto dall’UE, di prestiti a un tasso di interesse ridotto, con requisiti ridotti in materia di garanzie reali.

Banca Etica si concentrerà su una vasta gamma di settori dell’imprenditoria sociale, mirando alle start-up innovative a orientamento sociale, alle imprese agricole sociali e alle società che operano sfruttando l’efficienza energetica e la tecnologia delle fonti energetiche rinnovabili.

La Commissaria per l’Occupazione, gli affari sociali, le competenze e la mobilità dei lavoratori, Marianne Thyssen, ha dichiarato: “Con il nuovo accordo, sostenuto dai fondi UE, Banca Etica sarà in grado di erogare prestiti a condizioni agevolate a oltre 330 imprese sociali in Italia e di estendere la propria attività di prestito alle imprese sociali in Spagna. Fornendo loro un maggiore e più facile accesso ai finanziamenti, contribuiamo allo sviluppo delle imprese sociali in settori chiave per l’inclusione sociale, quali il settore agricolo sociale e le imprese che partecipano all’integrazione di migranti e rifugiati. Il nostro impegno nella lotta all’esclusione sociale e per migliorare le condizioni di lavoro in Europa è assoluto.”

Il Vicepresidente della Banca europea per gli investimenti, Ambroise Fayollee il Presidente di Banca Etica, Ugo Biggeri, hanno firmato l’accordo nel corso della 14a conferenza annuale della rete europea di microfinanza tenutasi a Venezia, che quest’anno si è concentrata sul potere dell’educazione finanziaria delle popolazioni vulnerabili e ha riunito oltre 300 finanziatori sociali e attivi nel microcredito, oltre a rappresentanti di istituzioni che concedono garanzie.

La testata è nata nel 1978 con il nome di Ecologia (diventerà La Nuova Ecologia l'anno successivo) insieme ai primi gruppi ambientalisti... Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia
[twitter-timeline id=657236406335574016 username=lanuovaecologia]
Ultimi articoli di

Parliamone

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *